Si riaccendono i riflettori sull’archeologia atellana

Una conferenza per illustrare i risultati della campagna di scavo 2017.
23 Ago2017

Volge al termine la campagna di scavo 2017 del sito preistorico del cimitero di Atella, area dimostratasi di notevole interesse scientifico nel quadro delle prime occupazioni umane dell’Europa.

Per il terzo anno consecutivo si rinnova l’interesse della troupe italo-francese diretto dalla dottoressa Roxane Rocca in collaborazione con il Dott. Daniele Aureli e la Dott.ssa Claudia Abruzzese.

I lavori, sostenuti dal Comune di Atella e dalla Scuola francese di Roma, iniziati lo scorso 7 Agosto, hanno visto la partecipazione di diverse istituzioni tra cui l’Università della basilicata, L’unicersità di Parigi (paris Oust Nanterre Panthèon-Sorbonne) e l’Università di Siena.

Tornati ad Atella, gli studiosi entusiasti di riprendere gli studi, lì dove si erano interrotti un anno fa, hanno continuato i lavori di restauro dei reperti presenti ancora sul sito, oltre ad intraprendere nuove indagine nella parte bassa del deposito al fine di approfondirne la coprensione del sito.

Anche quest’anno i protagonisti di questa missione, di grande importanza per il rilancio culturale del nostro comune e dell’intera area del Vulture, presenteranno i risultati delle ricerche ad esponenti della Soprintendenza e a tutta la popolazione, in una conferenza pubblica alla quale seguirà una interessante visita guidata al sito archeologico.

L’appuntamento con l’archeologia è per venerdì 25 Agosto alle ore 17,00 presso l’ex Biblioeca Comunale di Atella.

Categorie: 
Condividi: