In Basilicata si sperimenta il cibo a «impatto zero»

POTENZA - Fertilizzanti e pesticidi? Costose lavorazioni del terreno? No grazie. Arriva il cibo ad impatto zero: senza consumo di suolo, con un risparmio idrico del 90 per cento e soprattutto, senza produzione di rifiuti. Magia? No: acquaponica. La metodologia, che combina l’allevamento di pesci con

Condividi: